giovedì 3 maggio 2012

Forestali: operai disperati, c'è anche chi rischia di perdere la casa


di Leonardo Bianco

L’appuntamento era per le 9,30 a piazza Municipio. E’ qui che martedì mattina si sono ritrovati gli operai forestali insieme ai dirigenti della Cisl per accogliere l’arrivo di Monsignor Andrea Magione, arcivescovo di Benevento.
Erano in tanti gli operai forestali che hanno voluto essere presenti alla manifestazione voluta dalla Cisl provinciale per solidarietà nei loro confronti e nei confronti dell’intero territorio sannita.

Le facce degli operai erano facce di chi con dignità sta vivendo un momento difficile, c’è rabbia ma la loro protesta è composta. Non tutti hanno voglia di parlare, loro erano lì soprattutto per ascoltare le proposte e le eventuali soluzioni ai loro problemi e chi decide di parlare lo fa con pacatezza. Raffaele Russo di San Giorgio la Molara, ha un figlio di venti anni disoccupato, a portare lo stipendio a casa è solo lui, ma ora da oltre otto mesi non percepisce un euro. E’ preoccupato Raffaele.

“Ho un mutuo sulle spalle e le rate scadute” dice l’operaio quasi rassegnato, “riusciamo a tirare avanti grazie alla pensione di mia madre (la donna percepisce poco più di 400 euro al mese), ma ho paura di perdere la casa che ci è costata una vita di sacrifici”. Come Raffaele, anche Angelo Costantino di San Marco dei Cavoti (49 anni) è l’unico a percepire un reddito in famiglia, sposato con un figlio a carico dice “da mesi in casa viviamo una situazione di malumori e contrasti, abbiamo perso la tranquillità e non c’è nessuno, nemmeno i genitori, che possono darmi una mano”.

Giuseppe Vella, 54 anni di San Giorgio la Molara, da 33 anni operaio forestale, ha sei figli di cui quattro maggiorenni e disoccupati. Ci sono Raffaele Capobianco e Luigi Ruggero entrambi di 46 anni, anche loro di San Giorgio la Molara. Il primo ha due figli che vanno a scuola e vive in casa d’affitto. Il secondo, ha due figli piccoli anche lui, dice vivo a casa di mia madre e la situazione è difficile, “non riesco più a pagare le rate della macchina”. Sia Raffaele che Luigi, come gli altri colleghi, sono gli unici a portare a casa i soldi a fine mese.

Qualche operaio se la prende con la Comunità Montana, ma in realtà, ci dice Leonardo Iampietro, (Rsa Fai-Cisl del Fortore), “l’ente fortorino non c’entra niente, noi dipendiamo direttamente dalla Regione, è lì che devono risolvere il nostro problema.
Nell’introduzione della Messa, svoltasi nella Chiesa Madre di San Bartolomeo in Galdo, l’arcivescovo di Benevento Andrea Mugione afferma: “siamo qui per questa celebrazione eucaristica per testimoniare la nostra vicinanza a questi fratelli forestali che vivono un momento difficile”. Nell’omelia il presule ha lanciato un messaggio di speranza per le genti del Fortore che più di altri vivono un momento difficile.

La manifestazione poi si è spostata nella sala consiliare dove c’è stato un momento di riflessione. A coordinare i lavori c’era Mario Pedicini, giornalista, ha ricordato le motivazioni per la quale la Cisl sannita ha voluto a tutti i costi che la manifestazione nel Fortore: “Il primo maggio festa dei lavoratori a San Bartolomeo in Galdo vuole essere un gesto di attenzione e di comprensione delle difficoltà che questa terra vive”. Ha sottolineare la gravità della situazione è stato Attilio Petrillo, segretario provinciale della Cisl, il quale ha preso un preciso impegno: “al presidente della Provincia cimatile nel contratto per il Sannio chiederemo di mettere in primo piano la vertenza Fortore-Tammaro”.

Per Ettore Rossi, direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della Diocesi di Benevento, “bisogna dare speranza, perché senza speranza non ci sono progetti e non c’è futuro”. Antonio Velotti, vicepresidente Anteas, ha ricordato le difficoltà degli anziani in questo momento di crisi, dicendosi preoccupato per un territorio abbandonato. A chiudere gli interventi è stato il segretario generale Cisl-Fai Augusto che ha individuato nella politiche a discapito della montagna i problemi dello spopolamento e della desertificazione dei territori interni. “Basta con la politica del pronto soccorso – ha detto Cianfoni – bisogna cominciare a fare una politica di prevenzione per evitare il disastro ambientale dei nostri territori, soprattutto quelli di montagna”.

Le conclusioni e il messaggio di chiusura è stato affidato all’arcivescovo Andrea Magione: “In questo momento difficile a noi della Chiesa tocca aiutare a sopravvivere la gente, ma allo Stato tocca dare benessere e dignità alla persona e al lavoratore”.
Alla manifestazione erano presenti tra gli altri il segretario regionale Fai, Santese, il segretario provinciale Cisl-Fai, Alfonso Iannace.

Erano presenti i sindaci di San Bartolomeo in Galdo, Vincenzo Sangregorio, di Montefalcone, Assunta Gizzi, di San Giorgio la Molara, Luigi Paragone e di Ginestra degli Schiavoni Zaccaria Spina, il quale era presente anche come Presidente della Comunità Montana del Fortore, il quale è pronto a convocare un Consiglio generale dell’Ente per affrontare, partendo dalla vertenza dei forestali, tutte le criticità del territorio fortorino sperando “di trovare quell’unione che va la di là delle appartenenze politiche. Siamo pronti a battere i pugni sul tavolo per farci ascoltare – ha continuato il sindaco di Ginestra – useremo tutte le strategie possibili per dar voce e soluzione ai problemi dei nostri territori”.

Al primo cittadino è toccato fare gli onori di casa. Sangregorio, nel ribadire l’urgenza della soluzione dei forestali e facendosi portavoce di tutti i sindaci presenti, ha messo in evidenza come il mancato pagamento degli stipendi sta arrecando un grave danno all’economia del territorio. Il sindaco di San Bartolomeo inoltre ha rimarcato come questo territorio ancora una volta, dalla sanità, passando alla viabilità e ai trasporti sia stato oggetto di promesse mancate e di “prese in giro continue”.

(Tratto dal quotidiano: "Ottopagine-Benevento")

Nessun commento:

Google