venerdì 10 maggio 2013

Trivellazioni petrolifere nel Sannio, un progetto che non s'ha da fare



Ieri sera (martedì per chi legge, ndb) si è tenuto un incontro dal titolo "Per chi scava la trivella" presso il Centro Sociale Autogestito “Depistaggio” inerente la questione petrolifera nel Sannio che ha visto protagonisti un piccolo nucleo di persone che si è confrontata e ha esplicato, per chi ne era meno a conoscenza, la causa e la conseguenza di questa azione sul nostro territorio.

La serata è stata introdotta da Lelio Romano che ha preso la parola al microfono e ha introdotto il dibattito: “Il sistema capitalista ci sta regalando l’attuale crisi che stiamo vivendo e che ci sta colpendo con forza, in questo modo tutti i nostri diritti vengono colpiti e quella che si crea è solo emergenza. Lo scopo principale delle trivellazioni è quello di privatizzare i profitti e di conseguenza collettivizzare le perdite, diventa per questo necessario opporsi più che mai!”

Il Sannio è una zona con una economia basata sul verde e fortemente vocata al territorio e bisognerebbe rivalutare e rinnovare questo aspetto piuttosto che cadere in sogni di finto progresso e utopistico guadagno che porterebbero alla distruzione della nostra terra. Del resto basta guardare nella vicina Val d’Agri, in Basilicata. Doveva essere il Texas italiano. E invece, i pozzi ci sono, e anche il petrolio. Ma l’economia è a pezzi, le aziende chiudono e l’agricoltura è sparita sotto l’inquinamento da idrocarburi. Ma non solo. Le royalties concesse dai petrolieri – grazie alla generosa normativa nazionale – sono quasi irrilevanti per Regione e Comuni. Insomma, un affare nero per i lucani.

La Regione Campania, e dunque anche la commissione Ambiente, conosceva almeno dal 6 febbraio dello scorso anno il progetto “Pietra Spaccata” dell’azienda inglese Delta Energy, che prevede la ricerca dell’oro nero in un’area che comprende 18 comuni sanniti. Non un piano segreto, dunque. Da Palazzo Santa Lucia sono arrivate con solerzia tutte le autorizzazioni necessarie: «Verificate e, nel caso, trivellate».

Il dibattito prosegue nel corso dell’evento, microfoni aperti a chiunque voglia dire la sua o voglia informare i presenti su quanto sta accadendo e si giunge a una triste e amara conclusione: le amministrazioni locali risultato totalmente disinteressate e quello che più è vergognoso non forniscono ai cittadini alcun tipo di informazione a riguardo, diventa perciò necessario creare incontri di questo tipo per potersi confrontare e per venire a conoscenza di cose che magari si ignorano.

Uno dei modi più incisivi per far apprendere le cose è sicuramente l’arte, il teatro, il cinema che sono mezzi di comunicazione diretti. A tal proposito nel corso della serata, terminato il dibattito prende la scena Bruno Petretti con una performance artistica sulla tematica affrontata. Con un monologo in parte scritto da Francesca Paola Scancarello e un brano tratto da “Petrolio” di Pier Paolo Pasolini. Colpisce per l’immediatezza del messaggio da comunicare e grazie al linguaggio volutamente dialettale, nella prima parte del monologo, mostra come l’ignoranza può travisare le cose e rendere oro anche quello che non luccica. Emozionante la conclusione tratta da Pasolini che vede la città come deserto e distruzione e vede nel ritorno alla natura la vita, l’aria, la rinascita.

Al termine dell’incontro è stato proiettato “Promised Land” di Gus Van Sant con Matt Damon nei panni di Steve Butler che è uno dei migliori rappresentanti per la Global, l’industria che si occupa di trivellare il sottosuolo ed estrarre i gas naturali, la nuova forma di energia, pulita e sostenibile del nostro futuro. Viene dalla provincia e ne conosce problemi e particolarità, così è in grado meglio di altri di calarsi nel tessuto dei luoghi in cui è inviato, fare amicizia, inserirsi nelle comunità e convincere le persone a concedere la loro terra (in cambio di una quota sui proventi) per le trivellazioni. La sua ennesima meta, un piccolo centro nella Pennsylvania, si rivela più ostica del previsto quando un attivista ecologista comincia a fare controinformazione sui rischi e i danni per l’ambiente che questo tipo di trivellazioni comportano.

Film interessante che incappa però nel rischio che corre ogni film che si fa portatore di tesi e ideali con i quali il pubblico, in linea di massima, è già d’accordo: dice quello che ognuno vuol sentirsi dire senza aggiungere molto al dibattito e, cosa peggiore, senza operare una reale provocazione che stimoli ad un ragionamento in più sulla questione. Nonostante a sprazzi il regista mostri di voler andare a riprendere la parte più nascosta e meno “di rappresentanza” del paese (volti brutti, uomini derelitti, paesi in disgrazia, popolazione in ginocchio), alla fine non osa mai davvero e conferma certezze, invece che porre nuove domande. Il tutto condito da una storia d’affetti trovati e ritorno alla ragione svogliata e generica, buona per ogni stagione.

E solo ora, quindi, quando è diventato palese il malcontento dei cittadini diventa forte l’esigenza di comunicare, di informarsi e di informare con ogni mezzo per non cadere in tentazione e non distruggere il nostro territorio. Bisogna tutelare ciò che si ha, non perché essere ambientalisti oggigiorno va di moda ma perché la terra che abbiamo è tutto ciò che ci resta.

www.bmagazine.it

Nessun commento:

Google