giovedì 19 settembre 2013

Il Governo gela le speranze: avanti con il petrolio

Notizie allarmanti quelle che giungono da Roma sulle trivellazioni petrolifere. Ieri (nei giorni scorsi per chi legge, ndb) alla Camera il Sottosegretario del Ministero Sviluppo economico, Simona Vicari, ha risposto alla interpellanza urgente promossa da 43 parlamentari (primo firmatario l’irpino Luigi Famiglietti, in elenco anche il sannita Umberto Del Basso De Caro) sul progetto di ricerca «Nusco» previsto a cavallo tra le province di Avellino e Benevento.

E le parole della rappresentante di Governo aprono uno scenario affatto rassicurante: «Il pozzo di perforazione Gesualdo nell’ambito del progetto Nusco – ha dichiarato Vicari – assume particolare rilevanza ai fini di una più compiuta e soddisfacente pe­rimetrazione geologica dei reali limiti dei giacimenti lucani che si sospetta potrebbero estendersi fino alla sub-regione irpina, a riprova delle enormi potenzialità del settore minerario nel nostro Paese. È quindi questo un tipico caso in cui è primario interesse dello Stato, più che del privato richiedente, assumere tutte le conoscenze del proprio sottosuolo, per poi valutarne, di concerto con le autorità presenti sui territori, la consistenza e l’effettiva opportunità di valorizzazione nell'interesse generale».

Dunque nessuna intenzione di interferire nei procedimenti autorizzativi avviati e, anzi, la conferma che l’Italia intende percorrere con decisione la strada degli idrocarburi. E per farlo lo Stato investirà anche delle somme destinate al «ristoro» dei territori coinvolti dai progetti di estrazione petrolifera: «E’ già pronto – ha rivelato il Sottosegretario – un importante decreto scritto in collaborazione con il Ministero dell’economia e delle finanze con cui si istituisce il Fondo per gli interventi infrastrutturali nei territori interessati da attività di ricerca e produzione di idrocarburi, come previsto dall’articolo 16 del decreto-legge sulle liberalizzazioni, convertito con la legge n. 27 del 2012. Con tale strumento normativo, una quota delle maggiori entrate per l’estrazione di idrocarburi viene destinata allo sviluppo di progetti infrastrutturali e occupazionali di crescita dei territori che ospitano le infrastrutture produttive e dei territori limitrofi: 50 milioni di euro l’anno, quindi, sono destinati ad infrastrutturare i territori interessati». Avanti tutta dunque sulla via del petrolio che tanti guasti, sotto il profilo ambientale, ha già provocato nella vicina Basilicata.

benevento.ottopagine.net

Nessun commento:

Google