venerdì 20 marzo 2015

Reddito minimo garantito ai meridionali

Noi sosteniamo il reddito minimo garantito per dare a tutti i cittadini meridionali la possibilità di avere una vita dignitosa. L'Altro Sud presenterà, presto, anche in Europa la sua proposta politica in favore dei cittadini più svantaggiati.

Chi ha un reddito o un Isee molto basso, con la nostra proposta dovrebbe ricevere una integrazione in denaro dallo stato federale, capace di riportare il beneficiario al di sopra della soglie di povertà assoluta. Maggiore è la distanza del cittadino dalla soglia di povertà, dunque, più alto sarà il sussidio.

La durata del RMG è a tempo indeterminato, anche se prevediamo l'obbligo per il beneficiario di partecipare a dei programmi di inclusione sociale, finalizzati a reinserirlo nel mondo del lavoro o a migliorare la sua condizione economica (come del resto avviene anche negli altri paesi europei).

Per una famiglia di coniugi con due figli, per esempio, la soglia di povertà dell'Istat è attorno ai 980 euro di reddito mensile nei piccoli comuni del Meridione.

La maggior spesa potrà essere affrontata con una più elevata tassazione dei redditi più alti, con una razionalizzazione delle spese, e con l'utilizzo delle proprie risorse economiche che devono restare nel territorio e non finanziare le banche e le imprese di altre regioni. In una dimensione federalista, che noi sosteniamo, questa sarà una delle prime proposte da realizzarsi.

www.laltrosud.it

Nessun commento:

Google