lunedì 20 aprile 2015

Barbarossa, la Dc e le eterne promesse elettorali

di Angelo Iampietro

Mi sovviene un ricordo letterario di un componimento di Giosuè Carducci: “Il Parlamento”.

In tale componimento si parla della lotta tra Comuni e Impero. Siamo nel 1174 e  Federico I (Barbarossa) ridiscende per la quinta volta in  Italia per sottomettere definitivamente quei Comuni che si erano resi autonomi, con un proprio ordinamento, di fatto rendendosi liberi da ogni vincolo vessatorio dell’Imperatore.

Il suo esercito dalla Germania giungeva puntualmente ogni anno in Val Padana, dopo aver attraversato la Valle dell’Engadina, ad ogni inizio di primavera; la sua discesa era determinata dal fatto che molte città, come si accennava, si erano concesse un proprio statuto comunale, approfittando dell’interregno dinastico in Germania. La sua discesa era diventata oramai un’abitudine che costava morte, miseria  ed anche umiliazione per gli abitanti dei Comuni ribelli, i quali per difendersi si erano uniti in Lega.

Il paragone tra la discesa del Barbarossa in Italia e quella dei nostri politici per le elezioni, in questo caso regionali, pur non portando nulla di nefasto alle nostre popolazioni come avveniva per i Comuni ribelli, l’ho fatta per la ripetitività dell’azione: scendere in campo per annunciare opere che migliorerebbero i servizi delle popolazioni come quelle della Val Fortore, mai considerate come avrebbero meritato, se non per pagare le tasse o per rendere altri servigi obbligatori, senza, giustamente, ricevere quelli che altre comunità avevano ed hanno.

Quando ci sono le elezioni politiche o regionali, puntualmente, per la gente del Fortore arriva qualche promessa da parte di quei politici che ritengono di poterci omaggiare di qualcosa che diversamente non sarebbe possibile.

Il suo o loro interessamento, recuperando i fondi necessari, consentirebbe, a loro dire, lo stanziamento di fondi per il completamento dell’arteria stradale “Fortorina”, nel suo percorso naturale fino a San Bartolomeo in Galdo.

La sua realizzazione è prevista al momento, per i fondi stanziati, fino a San Marco dei Cavoti; con la promessa pre-elettorale, la si completerebbe fino a San Bartolomeo in Galdo.

Quale notizia più gradita di questa, perché farebbe uscire i veri paesi della Valfortore  (S. Bartolomeo in Galdo, Baselice, Foiano Valfortore, Castelvetere Valfortore, Montefalcone Valfortore) dall’isolamento, consentendo alle rispettive popolazioni di percorrere una vera strada, perché quelle attuali non si possono definire tali non solo per il  percorso tortuoso, ma anche per l’inadeguatezza dell’assetto poco sicuro e stabile dove gli avvallamenti e le buche non si contano.

Aggiungo, poi, l’attraversamento del passo del “Casone Cocca”, a m. 1000 slm, trepidazione ed avventura per l’automobilista che, per attraversarla, d’inverno s’imbatte con  ghiaccio,  neve e nebbia!

Negli anni ’60 e ’70, nei nostri paesi regnava la DC, guai a non essere della DC. Sempre in occasione delle elezioni qualche politico veniva a farci visita e numerose erano le presenze per accogliere  l’illustre visitatore, il quale non trascurava i voti che avrebbe ricevuto, elargendo lusinghiere promesse.  E che promesse!. Se ne parlava per le strade e c’era chi, grande sostenitore delle promesse, non si accalorasse in discussioni faziose  con qualche avversario politico  per argomentare quanto bene  facesse, a noi della Valfortore, la DC.

Gli illustri politici visitatori, in seguito, ma sempre prima delle lezioni, facevano pervenire con telegramma al segretario politico della locale sezione della DC gli importi promessi per la realizzazione di opere pubbliche necessarie e di importanza primaria per lenire i disagi  della comunità. 


Le comunicazioni telegrafiche venivano affisse alle porte della sezione politica in modo che tutti potessero prendere visione di ciò che si sarebbe realizzato grazie all’interessamento di quel politico. Seguivano le elezioni e costui veniva votato  per le tante promesse, che molti ingoiavano e che, quasi in forma ipnotica, ne  vedevano, in anticipo e concretamente la realizzazione.

E intanto si era votato…, c’era stato il consenso…, e  tanti erano felici perché avevano vinto! Che dire, di fronte al consenso, espresso in più  centinaia di voti, bisognava solo accettare democraticamente i risultati!

Passavano le elezioni e le promesse andavano, giorno dopo giorno, nel  dimenticatoio; quelle promesse, anche scritte sui telegrammi appiccicati alle porte della sezione  Dc, si scolorivano  e dopo qualche settimana diventavano  illeggibili…

Così svaniva tutto  e con esso la speranza dei tanti creduloni!
La differenza tra gli anni ’60-’70 è che allora c’erano le promesse ed i telegrammi, ora ci sono solo gli annunci che vengono ampliati dalla stampa e dai canali audiovisivi.

Si crede ancora alle promesse? Non lo so!

In un precedente mio articolo dicevo che la Val Fortore è cambiata grazie all’impegno, all’operosità e al sacrificio dei nostri emigranti, che, con le rimesse, hanno creato, in quegli anni, tanto lavoro per l’artigianato locale e ad altre attività, che hanno consentito un volto nuovo al nostro territorio.

Apprendo, purtroppo, che  lo scorso anno come reddito medio siamo posizionati tra gli 8058 Comuni italiani al posto 8001 con un reddito di 9602. Soltanto 57 Comuni in Italia hanno un reddito medio inferiore al nostro.

Che le promesse, remote e presenti, siano state e sono anche causa di un impoverimento generale della popolazione del Fortore e di Baselice in particolare?

Ai lettori la risposta.

Nessun commento:

Google