mercoledì 1 aprile 2015

La presunta nazione Padana

di Antonio Gentile

In questi ultimi decenni, con l'affermazione politica della Lega Nord, si è spesso parlato di "nazione padana" a proposito delle regioni settentrionali e si è cercato di legittimare tale concetto con una comune identificazione territoriale e linguistica.

Per meglio comprendere l'infondatezza di queste tesi bisogna prima analizzare i termini di nazione e di lingua.

In Italia oltre a gruppi linguistici francesi, tedeschi, occitani, albanesi, croati, greci e catalani e a piccole nazionalità come la friulana, la sarda e la ladina dolomitica, si può parlare di nazione toscana, di nazione delle Due Sicilie e di una comunità di popoli padani.

Questi ultimi, infatti, sebbene i ripetuti tentativi di autoriconoscimento non possono ritenersi una nazione: la Padania fisica e quella nazionale non coincidono.

Terre geograficamente padane come la Valle d'Aosta, il Tirolo meridionale ed il Friuli, per citare soltanto le principali, non ne fanno parte. Né serve appigliarsi all'espediente dei nomi delle nazioni, che di sovente sono inventati per ragioni d'opportunità e di visibilità, in quanto l'artificio "nominalistico", Più o meno fondato e giustificabile culturalmente, deve indicare una comunità oggettivamente riconoscibile e inter-soggettivamente riconosciutasi.

L'altro aspetto, certamente basilare, a sostegno dell'esistenza di una nazionalità comune è quello storico-linguistico.

Chiarendo subito che, una comune nazione padana creatasi nei secoli con un'omogenea identità linguistica, storica e politico-amministrativa rimane del tutto fantomatica e che, a nulla valgono i continui riferimenti alla Scozia o ai successi politici dei partiti regionalisti, ribadiamo che l'aspetto linguistico resta determinante per comprendere la reale consistenza della pretestuosa rivendicazione leghista.

La fantomatica Padania risulta del tutto priva sotto il profilo linguistico di una sua pur minima "standardizzazione ortografica" tale da indicare convenzionalmente l'affinità certa tra i vari dialetti; manca inoltre una letteratura espressa in lingua autoctona paragonabile, per esempio, per importanza e notorietà, alla lingua occitana dei trovatori che ha, tra l'altro, segnato una grande stagione della letteratura europea.

Naturalmente, quanto detto precedentemente, non esclude che nell'area geografica padana esista un patrimonio culturale ed umano da rispettare e che, in tale ambito, si possano legittimamente rivendicare forme d'autogestione politica ed economica.

Dunque, la "nazionalità padana" rimane del tutto priva di fondamento, venendo meno gli elementi sostanziali per tale riconoscimento, mentre l'obiettivo più esplicito della Lega Nord, nella logica del "solve et coagula" resta la creazione di un'entità geoeconomica omogenea, competitiva a livello europeo, che si possa liberare del "fardello" meridionale".

Gli ultimi avvenimenti poi, confermano la volgare strumentalizzazione fatta dai leghisti di sfruttare questi tesi autonomiste per gestire potere e arraffare tutto quello che è possibile senza un minimo di dignità.

Una forma di contestazione anticentralista espressa nella protesta antifisco e xenofoba contro "Roma ladrona", gli immigrati e i meridionali, che utilizza tematiche identitarie a scopo prevalentemente utilitaristico.

La pretesa, poi, di contrapporre la "Repubblica del Nord", derivata da un'inesistente nazionalità, alla "Repubblica delle Due Sicilie", derivata invece da una comune storia prestigiosa e plurisecolare, rimane un'assurda forzatura, non essendo neanche lontanamente paragonabili gli elementi storici, territoriali e linguistici.

Nessun commento:

Google