sabato 9 maggio 2015

Trivelle e terremoti

Convegno sulle ricerche petrolifere a Pesco sannita. Ad organizzare il meeting la proloco, il Forum giovani e Slow food.  

Ecco di seguito uno stralcio del resoconto fatto dal quotidiano online ottopagine.it.

“Ci sono due ragioni principali – ha esordito il noto geologo Franco Ortolani - per le quali bisogna pretendere che questi permessi non vengano accordati. La prima riguarda la presenza all'interno degli areali in questione di fondamentali bacini idrici come il Matese e le dighe di Campolattaro e Occhito. La seconda ha a che fare con l'esistenza di faglie sismogenetiche attive proprio in corrispondenza dei progetti “Pietra Spaccata”, “Case Capozzi”, “Nusco” e “Santa Croce”. Trivellare significa accelerare i processi che altrimenti potrebbero restare a lungo silenti. Non si può non farlo presente nelle sedi competenti e ottenere la cancellazione di questi progetti. E' compito dei referenti politico-istituzionali di questi territori ottenere tale risultato. Ma spesso si distraggono...”.

Nessun commento:

Google