mercoledì 9 dicembre 2015

Nelle Terre di Baselice dove si allevano lumache

Terre di Baselice, i quattro startupper
Si chiama Terre di Baselice. Ed è una startup particolare nel suo genere: allevare lumache. È questa l’iniziativa imprenditoriale di quattro coraggiosi giovani baselicesi. 

Quattro ragazzi con un'unica passione, che davanti ad una birra vogliono prendere per mano il loro futuro e farlo nella terra dove sono cresciuti e dove sperano di invecchiare: il Fortore.


“Un bel giorno, di mattino presto, - scrive Lucio sul sito Terre di Baselice - Nicola mi chiama  dice di prepararmi e passa a prendermi. Mi porta in un campo dove troviamo poi tante chiocciole. Cominciamo a raccoglierle, ci divertiamo a farlo, ad osservare queste creature che al primo impatto si spaventano ma che subito dopo – quasi come a darci fiducia – tirano fuori le loro antennine e riprendono ad essere attive. Il nostro piccolo recinto comincia popolarsi. Roberto e Marco non resistono e nel giro di pochi giorni individuano altre zone, raccolgono anche loro diversi esemplari, e il nostro piccolo allevamento cresce. È fatta, abbiamo detto, ci siamo sporcati le mani e ora non ci ferma più nessuno!”.
I quattro giovani conoscono un allevatore di chiocciole di Campobasso
“Passiamo a fargli visita, ci porta a vedere il suo allevamento. In un nulla siamo in macchina con lui, qualche mesetto dopo, in viaggio verso Cherasco per il  44° incontro internazionale di elicicoltura. Di giorno conosciamo altri allevatori, ci raccontano le tecniche di allevamento, visitiamo diverse realtà agricole e conosciamo le loro storie. Storie di successi e insuccessi, difficoltà e amarezze come di ricche soddisfazione. Cominciamo a capire che dietro le tante storie belle che abbiamo letto sul Web c’è anche tanto lavoro, tanto rischio e che nulla può essere lasciato al caso. Di sera partecipiamo alla Rassegna gastronomica della lumaca, e seduti ad un grosso tavolo cominciamo a degustare una cena con 7 portate a base di lumache. Cotte, fritte, bagnate, è un esplosione di odori e sapori. Buon vino e ottima compagnia rendono la serata piacevolissima. Il mattino seguente è il giorno dei saluti, ritorniamo a casa”.
Nel frattempo, le loro lumache si sono moltiplicate ed è giunta l’ora di preparare il terreno per le tantissime lumache da crescere, vendere e mangiare.

Anche questo è Sud. Giovani che non vogliono abbandonare la propria terra e provano a restare, consapevoli delle difficoltà da superare, ma con tanta voglia di farcela.  


Nessun commento:

Google