mercoledì 13 luglio 2016

Ennesimo rinvio del consiglio comunale È crisi al Comune di San Bartolomeo?

San Bartolomeo, è crisi al Comune?
di Leonardo Bianco

Sono passati appena due anni dall'insediamento. Ancora non compie il giro di boa e la maggioranza che sostiene l'amministrazione Marcasciano mostra evidenti segnali di logoramento. A testimoniare ciò il mancato numero legale nella seduta del consiglio comunale di questa mattina, che doveva approvare l'equilibrio di bilancio. Consiglio che era stato già rinviato qualche giorno fa per lo stesso motivo. 

La maggioranza che sostiene il sindaco di San Bartolomeo scricchiola. E non è la prima volta. Guardando a questi due anni di amministrazione va detto che la maggioranza che la sostiene ha mostrato segni di insofferenza fin dai primi giorni del suo insediamento.

Il primo segnale arrivò dopo solo tre mesi dalle elezioni all'indomani delle elezioni del consiglio provinciale quando due esponenti del gruppo Alleanza Popolare non votarono insieme alla maggioranza per il candidato indicato dal gruppo, Fedele Del Vecchio.


L'amministrazione accusò il colpo, ma grazie alla mediazione del vicesindaco, Lina Fiorilli, la crisi rientrò. Dopo alcuni mesi di calma (apparente) arrivò un altro scossone. L'assessore Claudio Lupo rassegnò le dimissioni dalla giunta e si dissociò dalla maggioranza accusando l'amministrazione di "scarsa visione politica"

È di qualche mese fa invece la decisione del consigliere Antonio Boffa, delegato al consiglio generale della Comunità montana, di abbandonare la maggioranza consiliare, dando così un altro duro colpo all'amministrazione. 

Due episodi che aggiunti all'ennesimo rinvio del consiglio comunale avvenuto oggi segnano la crisi irreversibile dell'amministrazione Marcasciano?

Ora si aspettano chiarimenti da parte del sindaco e della sua maggioranza.

Nessun commento:

Google