lunedì 3 ottobre 2016

Eolico selvaggio, presidio permanente sul Regio tratturo

Eolico selvaggio e Regio tratturo
Primo giorno di protesta quello di ieri, domenica 2 ottobre, che ha visto la Rete degli enti locali, i Comitati in difesa della tutela ambientale e singoli cittadini attivarsi nella costituzione del presidio sul Regio tratturo di Santa Croce del Sannio per fermare quello che loro stessi definiscono "eolico selvaggio".


I cittadini, nonostante le avverse condizioni meteorologiche, si sono ritrovati sull’altopiano Lupardi mentre, nel primo pomeriggio, si sono riuniti presso il Comune di Santa Croce del Sannio per concordare il programma operativo del presidio permanente anti-eolico.
“Molti sono stati gli interventi sulle linee guida da seguire – si legge sui social – ma unico è stato l’obiettivo comune di affrontare in maniera decisa il problema dell’eolico selvaggio nei nostri territori dove si sta assistendo ad una crescita indiscriminata di impianti eolici in zone anche particolarmente rilevanti da un punto di vista paesaggistico, naturalistico e storico come il Regio Tratturo ed il Matese”.

Nessun commento:

Google