venerdì 14 ottobre 2016

La Valle del Tammaro contro l'eolico

(Foto de La nostra terra Morcone)
Sono scesi in strada (ieri per chi legge, ndb), lungo i crinali dell'Appennino campano, per chiedere la salvaguardia del paesaggio, la tutela del patrimonio storico, culturale ed archeologico, a difesa del territorio. 


C'erano tutti: agricoltori, sindaci e cittadini. Si sono incontrati presso il bosco comunale di Santa Croce del Sannio e con loro erano presenti anche le principali associazioni di categoria come la Coldiretti, la Cia e Confagricoltura e la Comunità Montana Titerno e Alto Tammaro.
"Obiettivo dell'iniziativa – aveva spiegato il sindaco di Santa Croce, Antonio Di Maria, promotore dell’iniziativa - è quello di dare un segnale forte alle Istituzioni affinché si tenga alta l'attenzione sulle vocazioni delle nostre terre. Auspico una presenza forte di cittadini, agricoltori e organi di informazione".
Dopo il raduno dei trattori e dei partecipanti il corteo, partito nei pressi del Regio Tratturo Pescasseroli/Candela, al confine tra Campania e Molise - dove stanno tirando su diciassette torri d’acciaio. Nella zona insistono decine di progetti di insediamento per un totale di circa 200 pale eoliche - ha raggiunto il centro della Valle del Tammaro e l’aula consiliare Comune di Santa Croce del Sannio dove si è svolta una conferenza stampa congiunta.

(Per l'articolo completo clicca qui ilquaderno.it)

Nessun commento:

Google