sabato 11 marzo 2017

Spopolamento, scompare il Fortore

La piazza di Montefalcone
Postiamo stralci di un articolo apparso su ottopagine.it, dove si fa il punto della situazione demografica anche nel Fortore. E i dati sono drammatici come potete leggere qui di seguito

Viaggiano a ritmi demografici preoccupanti i paesi del Fortore e dell'Alta Irpinia, e a guardare i numeri, consci di trovare una tendenza negativa, si resta ugualmente basiti.

Ad esempio, guardando Castelvetere in Valfortore: 1400 abitanti nel 2012, 1200 nel 2016. Gli ultrasessantenni sono 620, i giovani dai 18 ai 35 202. Sono nati due bimbi lo scorso anno...sono morte 21 persone. 

Sedici hanno scelto di emigrare. Di questo passo la dead line potrebbe essere fissata a vent'anni considerando solo ed esclusivamente il dato numerico, ma attenzione. La popolazione è vecchia, e dunque, automaticamente, va considerato decrescente il numero dei nati, crescente quello dei morti.

Altro caso emblematico: Ginestra degli Schiavoni, ormai a 470 abitanti, di questi 200 sono ultrasessantenni, solo 85 i giovani. Nessun bambino nato nell'ultimo anno, contro 8 morti.

Trend identico per gli altri paesi del Fortore, il più grande, San Bartolomeo in Galdo, è sceso in quattro anni sotto la soglia dei 5mila abitanti, di cui quasi 2000 over sessanta, 800 under 35. Sono nati, sì, 21 bimbi, per contro, sono morte 61 persone. Sessantasei persone si sono trasferite altrove. 

A Montefalcone 3 bimbi nati contro 24 morti, a Baselice 8 bimbi nati contro 27 morti.

Nessun commento:

Google