venerdì 11 maggio 2012

Fiumi nel Sannio inquinati. Si indaga su 39 comuni del beneventano

Sabato, Calore ed Isclero: tre fiumi che attraversano il territorio della provincia di Benevento sarebbero inquinati dagli scarichi fognari. È quanto si evince dall’inchiesta “Fluminà” scattata circa sei mesi fa. La procura di Benevento ha chiuso le indagini a carico di 39 sindaci (su 78 comuni della provincia sannita) o ex primi cittadini di comuni del beneventano.

Le indagini hanno visto in campo il Nucleo Investigativo provinciale di Polizia ambientale del Corpo forestale dello Stato, l’Arpac (l’agenzia regionale di protezione ambientale della Campania) e l’Istituto Superiore di Sanità che ha eseguito un ciclo di campionamenti eco-biologici nei fiumi alla ricerca di tracce di salmonella. In alcuni casi, i reflui sarebbero finiti senza alcun trattamento nei corsi d’acqua, mentre altre volte venivano mal depurati.

I 39 comuni del Sannio coinvolti nelle indagini della Procura sono: Airola, Apice, Buonalbergo, Campolattaro, Casalduni, Castelfranco in Miscano, Morcone, Castelpagano, Castelpoto, Castelvenere, Cautano, Circello, Durazzano, Foglianise, Fragneto L'Abate, Ginestra degli Schiavoni, Moiano, Morcone, Pago Veiano, Pannarano, Paolisi, Paupisi, Ponte, San Giorgio del Sannio, San Lupo, San Martino Sannita, San Nicola Manfredi, Sant'Angelo a Cupolo, Sassinoro, Solopaca, Torrecuso Vitulano.

"Credo che specialmente per i piccoli comuni - ha commentato il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, sia venuto meno il ruolo di coordinamento degli enti sovraordinati a partire dalla Regione. Non si spiegherebbe altrimenti un numero così alto di sindaci oggetto di indagine".

www.ilquaderno.it

Nessun commento:

Google