lunedì 14 marzo 2016

Fortore, continua il calvario degli operai forestali

Continua il calvario degli operai forestali, che ancora non ricevono gli stipendi arretrati. A denunciare i ritardi la Fai Cisl sannita e irpina. 
“Purtroppo, nonostante gli sforzi profusi da tutti gli attori interessati al settore della forestazione, alla data odierna ancora non è accreditato un solo centesimo riguardante l’anno 2015 e 2016”, spiega in una nota  il segretario Alfonso Iannace.

 La situazione è stata messa in rilievo nell’incontro del 9 marzo con gli enti delegati e il neo consigliere delegato Franco Alfieri, dove è stato annunciato il riparto 2016 delle risorse per il fabbisogno Oti (operai a tempo indeterminato) e Otd (Operai a tempo determinato) con 102 giornate lavorative.
“I lavoratori forestali – continua la Fai Cisl – sono al massimo della sopportazione e rimanere anche nelle festività della Santa Pasqua senza stipendio e solo una vergogna! È ben oltre il limite di ogni umana pazienza”.
Intanto le Comunità montane interessate hanno predisposto delle anticipazioni, che consentiranno un minimo di sollievo alle famiglie dei forestali. 

La Comunità montana Alto Tammaro/Titerno, anticipa la mensilità di agosto 2015. Quella del Fortore un acconto di euro mille euro per gli Oti e euro 500 per Otd. 


Intanto è stato convocato il Consiglio generale della Comunità montana del Fortore per giovedì 17 marzo alle ore 16.  All’ordine del giorno anche l’approvazione del Piano di forestazione e di Bonifica Montana del 2016 e l’approvazione del Piano Triennale 2016-2018.

(Aggiornato alle ore 20)


Nessun commento:

Google