martedì 12 gennaio 2016

Campania, record di tumori nella Terra dei fuochi

Nella Terra dei fuochi si muore di più che nel resto della Campania. Ricoveri e tumori, nei 55 Comuni che la compongono, superano la media regionale.

A confermare quella che finora era soltanto un'ipotesi è l'Istituto superiore di Sanità, che ha aggiornato il suo rapporto sulla situazione epidemiologica dell'area compresa tra le province di Napoli e Caserta, avvelenata a partire dagli Anni 70 dagli sversamenti di rifiuti industriali, tossici e nucleari.


I roghi di rifiuti industriali sono tradizionalmente ritenuti responsabili dell'alto tasso di tumori che ha colpito soprattutto giovani donne e bambini.

Lo studio dell'Iss non stabilisce un nesso causale, ma precisa che gli eccessi riscontrati «ammettono fra i loro fattori di rischio accertati o sospetti l’esposizione a inquinanti emessi o rilasciati da siti di smaltimento illegale di rifiuti pericolosi e di combustione incontrollata di
rifiuti sia pericolosi, sia solidi urbani».

L'Istituto ha registrato sia «eccessi di bambini ricoverati nel primo anno di vita per tutti i tumori», sia «eccessi di tumori del sistema nervoso centrale, questi ultimi anche nella fascia 0-14 anni».

(per continuare a leggere la fonte clicca qui sotto)

Campania, record di tumori nella Terra dei fuochi

Nessun commento:

Google