mercoledì 21 dicembre 2016

Il Fortore e l'eolico

Il Fortore? L'area più depressa d’Italia (Sole24ore) ma anche tra quelle con più concentrazione di pale eoliche. 

E' uno dei passaggi della nota stampa che, Pinuccio Fappiano, portavoce del Fronte sannita di difesa della montagna, ha diramato in risposta alla presa di posizione, apparsa sul Fatto quotidiano, di Assorinnovabili e Anev in merito alla cosiddetta legge ferma-eolico approvata nei giorni scorsi dalla Regione Campania.

“Una zona che più di tutte  –  scrive  – ha subito la colonizzazione dell’eolico con le sue oltre 700 pale eoliche già installate dove gli industriali dell'eolico hanno trasformando un territorio agricolo-pastorale in una immensa centrale industriale per la produzione di energia elettrica”.

Un fenomeno che in Campania ha inizio nei primi anni ’90

“Il risultato – continua – è un territorio che ha dovuto cedere migliaia di ettari di terreno agricolo, di pascoli pregiati e di territori montagna incontaminata (ogni pala eolica brucia, in media, 4.500 mq di territorio) impoverendo in modo esponenziale intere aree geografiche”.






Nessun commento:

Google